News

Dispositivi medici, FIFO: “Protocollo Consip-Confindustria spaventa pmi e mina i principi di concorrenza e trasparenza alla base delle gare d’appalto”

Comunicati stampa | Home

Roma, 18 gennaio 2024 – FIFO Sanità, Federazione Italiana Fornitori Ospedalieri, aderente a Confcommercio, esprime la sua forte perplessità in merito al protocollo sottoscritto da Consip e Confindustria Dispositivi Medici che avrebbe “l’obiettivo di individuare nel mercato delle imprese […] le migliori opportunità di approvvigionamento per le pubbliche amministrazioni” in virtù di un generico “più ampio interesse del Paese”.

“Condividiamo l’impegno di Confindustria Dispositivi Medici nel tutelare gli interessi dei propri associati e apprezziamo la mission che ci accomuna nel rappresentare le nostre imprese. Riteniamo, allo stesso tempo, particolarmente dannoso per il settore che la Consip, centrale acquisti della Pubblica Amministrazione, controllata interamente dal Ministero dell’Economie e delle Finanze, abbia stipulato un protocollo d’intesa sull’approvvigionamento dei dispositivi medici esclusivamente con una sola associazione di categoria del comparto – dichiara Sveva Belviso, presidente FIFO Sanità – Consideriamo la conclusione di un protocollo, con con una Federazione che rappresenta solo una parte del settore interessato, lesiva dei principi di trasparenza, concorrenzialità e di partecipazione che sono alla base delle gare pubbliche, escludendo di fatto tutte le altre realtà rappresentative”.

 

“La conclusione di tale accordo – di cui chiediamo di conoscerne il contenuto – ci lascia particolarmente perplessi in ragione degli obiettivi dichiarati, con particolare riferimento alla ‘individuazione delle migliori opportunità di approvvigionamento per le Pubbliche Amministrazioni’. È evidente – prosegue la presidente Belviso – che l’attuazione di tali obiettivi, con la collaborazione di un soggetto privato che rappresenta solo alcune imprese del settore, possa costituire un’indebita posizione di vantaggio per quelle imprese che aderiscono all’associazione in questione, con danno per gli altri operatori”.

 

“Come federazione che rappresenta le piccole e medie imprese fornitrici di dispositivi medici, ci aspettiamo, quindi, un coinvolgimento sul tema di tutte le parti in causa. E – conclude la presidente Belviso – ribadiamo la nostra massima disponibilità al confronto, affinché strategie condivise possano generare risultati concreti per tutto il settore dei dispositivi medici e non solo una parte di esso”.

logo fifo sanità